Calenda - The calendar for arts, humanities and social sciences

Intersections. New perspectives for public humanities

Intersezioni. Nuove prospettive sulle public humanities

HFC-INT 2020

*  *  *

Published on Wednesday, May 13, 2020 by Céline Guilleux

Summary

The international network Humanities for Change, in accordance with the interdisciplinary spirit and the contaminatory approach that characterize its activities, intends to organize a day of study on the theme of public humanities. The meeting aims to stimulate some reflections coming from different fields of knowledge and to encourage the dialogue between researchers on the possibilities of the humanities to escape from academic circles. In this sense, the main object of study is the analysis of methodologies and tools related to knowledge dissemination practices for historical, artistic and philological-literary disciplines. Particular attention will also be given to new professional figures connected to the degree courses of the humanities faculties (such as the 'public historian') and to the interactions of these professional figures with the new media of communication and mass dissemination.

Il network internazionale Humanities for Change, in sintonia con lo spirito interdisciplinare e con l’approccio contaminatorio che caratterizzano le sue attività, intende organizzare una giornata di studi internazionale sul tema delle ‘public humanities’. L’incontro, denominato “Intersections. New perspectives for public humanities”, si propone di stimolare alcune riflessioni provenienti da diversi campi del sapere e di incentivare il dialogo tra ricercatori in merito alle possibilità di fuoriuscita delle discipline umanistiche dalle cerchie dell’ambiente accademico. In questo senso, costituisce oggetto precipuo di studio l’analisi delle metodologie e degli strumenti relativi alle pratiche di disseminazione del sapere per le discipline storiche, artistiche e filologico-letterarie. Particolare attenzione verrà riservata anche alle nuove figure professionali collegate ai percorsi di laurea delle facoltà umanistiche (come il ‘public historian’) e alle interazioni di tali figure professionali con i nuovi mezzi di comunicazione e divulgazione di massa.

Announcement

List of topics

History

The public dimension of the humanities has developed over the last fifty years in different fields. One of these is history, which has seen the affirmation of digital public history outside the academy, in order to go beyond the classroom and immerse oneself in the real world. In particular, public history has been developing in the United States since the 1970s and responds both to the need of historians to employ their training outside of universities and to the needs of a non-specialist public that wants to live and learn about history beyond the traditional channels, thus overcoming the self-referentiality of the elite and addressing the non-experts in particular (https://humanitiesforchange.org/en/2020/03/13/a-new-horizon-for-history/). In this regard, the role of digital is paramount, opening the doors to the general public and guaranteeing the maximum circulation and usability of knowledge. Therefore, a voice will be given here to the contributions which, in the spirit of public history, promote the sharing of knowledge and full accessibility to sources.In the Italian and international context, for example, some digital public history projects concern shared digital memories, and are linked in particular to the 20th century. This is the case of “Memoro”, the memory bank, an international non-profit project born in 2007 and implementable by users that collects the memories of people born before 1950 through audio and video stories, in order to reconstruct the small and big history. Another example is the “Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana” [“Last letters of death sentenced and deported prisoners of the Italian Resistance”], also born in 2007, which collects documentary material from the archival funds of the “Istituto per il Movimento di Liberazione in Italia” [“Institute for the Liberation Movement in Italy”] and is continuously expanded by users. Furthermore, the “Archivio degli Iblei” [“Hyblei archive”], born in 2013, is a virtual participatory archive where citizens are called to expand the archive with online resources to promote the historical and cultural heritage of the Hyblaean area through the concept of active citizenship.

Arts

In the art world, the current health emergency linked to the spread of the Covid-19 viral phenomenon has clearly highlighted the importance of digital resources for museums or galleries. Now more than ever before, on the other hand, at a time when mobility has been reduced to situations of extreme necessity and museums have been forced to close, the problem of the digital divide has emerged: if before digital was almost an accessory element that the museum or gallery could boast, now it has proved to be an indispensable tool to guarantee the public at least remote access to the collections. Online is in fact more and more necessary to reach the artistic contents: virtual rooms are born, such as those presented through a telepresence robot by the Hastings Contemporary Museum in England, or web art lessons, as in the case of the artist Martin Morris, who presents and produces his artworks live. In this section we will welcome contributions for a reflection on how the artwork can be disseminated on a large scale, also with attention to digital content in the art world and to the didactical issues or the role of social networks. Can digital replace a real work of art? Since only large museum institutions have sufficient resources to exploit the potential of digital, how much power will giants like Google acquire? Conversely, what will be the fate of smaller museums that will necessarily have to rely on Google to define the boundaries of the art world? In this context, the theories of Bordieu and Becker regarding the creation of artistic value and cultural significance should be taken into account. Has digital deprived art of its task of collective social space? Is the digital experience a mutilated experience? The public is vital for the survival of a museum, but now we have to rethink about a reorganization for remote fruition: how many museums have managed, for example, to face the pandemic? Could it be a valid solution to the problems of mobility and environmental sustainability (thinking about travel and the problems of global warming)?

Literature

The outflow of content from classrooms and lecture halls is perhaps more difficult as far as the literary field is concerned. The contributions in this section can probe the sociological dynamics of diffusion and reception of specific literary works or genres outside the academic sphere. Some examples on the first side concern the pop reinterpretationsof literary texts that are part of the canon of Italian and/or world literature, such as through performing arts, film reductions, graphic novels… In the second case, however, a certain genre, such as poetry or detective stories, can be taken into consideration in order to draw a picture of its diffusion outside the purely academic sphere. Think of the “Movement for the Emancipation of Poetry” (MeP) or similar experiences involving new digital communication technologies and social networks. This section can also include theoretical reflections that support the importance of the humanistic heritage in everyday life by studying, for example, how mythologems can shed light on fundamental contemporary issues such as immigration or ecology. Finally, we accept contributions that highlight the potential of the digital environment as a privileged channel of communication for an exponential expansion of the public. The most immediate example are the digital scholarly editions, on which Tiziana Mancinelli and Elena Pierazzo talk in “Che cos’è un’edizione scientifica digitale” (Rome, Carocci, 2020), but it is also necessary to remember the enterprise of Google Books, which has scanned and digitalized more than twenty-five million books, renouncing the manual correction of material and therefore proposing texts that are freely accessible to anyone, but unfortunately often incorrect. To overcome this problem there are initiatives of public engagement and crowdsourcing (i.e. recruiting a voluntary audience for the transcription of the text to be digitized), such as that of “The Medici Archive Project”, an American institute based in Florence, whose aim is the creation of digital editions of the archival documents of the Medici family. But transcription requires not indifferent linguistic and palaeographic skills: can we always trust a not undifferentiated public whose skills we do not know? What could be the most suitable solutions to reconcile philology, digital and ethics?

Submission Guidelines

The study day is addressed to PhD students, PhDs and researchers related to Italian and foreign institutions.

Interested participants are invited to submit a proposal for intervention at https://bit.ly/HFC-INT-2020

 no later than Friday, May 29, 2020. 

Each proposal must contain:

  1. name, surname, e-mail address and academic affiliation;
  2. a short bio-bibliographical note (max. 1,000 characters including spaces);
  3. a short abstract of the paper accompanied by a provisional title (max. 1,500 characters including spaces).

We accept interventions in the following languages: Italian and English. 

The expected duration of each paper is about 20 minutes. Publication of the conference proceedings is foreseen.

Venue

The conference will be held in Venice, Italy and will take place on Thursday, December 3, 2020. The event will be streamed on YouTube. The designated venue will be announced in the coming months.

  • Speakers residing in Italy will have to physically go to the meeting venue, unless there are particular health restrictions limiting travel: in this case, video-connected availability is sufficient (probably with a video call via Google Meet). Any travel and/or accommodation expenses for speakers residing in Italy are to be borne by the participants.
  • Scholars living outside Italy who cannot reach the lagoon city will be able to present their speech in telematic mode, probably with a video call via Google Meet.

The organizing committee will take care to select the contributions and to communicate to the interested participants the acceptance or not of the intervention proposal. The request for participation implies a commitment to participate in the study day.

Organizing committee

The event is organized by the international network Humanities for Change (www.humanitiesforchange.org) and is promoted by the Venice Centre for Digital and Public Humanities (VeDPH), that is part of Ca' Foscari University of Venice (www.unive.it/vedph).

  • Marco Sartor (PhD candidate in Philological-Literary, Historical-Philosophical and Artistic Sciences at University of Parma)
  • Francesco Venturini (MA student in Philosophy at Catholic University of the Sacred Heart of Milan)
  • Paola La Barbera (unstructured researcher graduated in Ancient Civilisations: Literature, History and Archaeology at Ca' Foscari University of Venice)
  • Irene Mamprin (First level Professional Master's programme in Digital Humanities at Ca' Foscari University of Venice)

Contact

All questions about submissions should be emailed to intersections@humanitiesforchange.org.

Tematiche

Storia

La dimensione pubblica delle discipline umanistiche si è sviluppata negli ultimi cinquant’anni in settori diversi. Uno di questi è quello storico, che ha visto l’affermazione della ‘digital public history’ in un contesto esterno all’accademia, per andare fin da subito oltre la classe e immergersi nel mondo reale. In particolare, la ‘public history’ si sviluppa negli Stati Uniti a partire dagli anni ’70 e risponde sia alla necessità degli storici di impiegare al di fuori delle università la loro formazione, sia alle esigenze di un pubblico non specialistico che desidera vivere e conoscere la storia oltre i canali tradizionali, superando così l'autoreferenzialità delle élite e rivolgendosi soprattutto ai non esperti (https://humanitiesforchange.org/2020/03/13/un-nuovo-orizzonte-per-la-storia/). A questo proposito, è capitale il ruolo del digitale che apre le porte al vasto pubblico garantendo la massima circolazione e fruibilità del sapere. Verrà pertanto data voce in questa sede ai contributi che, con spirito analogo a quello che la ‘public history’ insegna, promuovono la condivisione del sapere e la piena accessibilità alle fonti. Nel contesto italiano e internazionale, ad esempio, alcuni progetti di ‘digital public history’ riguardano le memorie digitali condivise, e sono legate in particolare al Novecento. È il caso di “Memoro”, la banca della memoria, un progetto no-profit internazionale nato nel 2007 e implementabile dagli utenti che raccoglie i ricordi delle persone nate prima del 1950 attraverso racconti audio e video, in modo da ricostruire la piccola e grande storia. Un altro esempio è dato dalle “Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana”, nato anch'esso nel 2007, che raccoglie materiale documentale proveniente dai fondi archivistici dell’Istituto per il Movimento di Liberazione in Italia e viene continuamente ampliato dagli utenti. Ancora: l’“Archivio degli Iblei”, che nasce nel 2013, si configura come un archivio virtuale partecipato dove i cittadini sono chiamati ad ampliare l’archivio con risorse online per promuovere il patrimonio storico-culturale dell’area iblea attraverso il concetto di cittadinanza attiva.

Arte

Nel mondo dell’arte, l’attuale situazione di emergenza sanitaria legata al diffondersi del fenomeno virale Covid-19 ha fatto emergere in maniera evidente l’importanza delle risorse digitali per musei o gallerie. Ora più che mai, d’altra parte, in un momento in cui la mobilità è stata ridotta a situazioni di estrema necessità e i musei sono stati costretti alla chiusura, è emerso il problema del ‘digital divide’: se prima il digitale appariva quasi un elemento accessorio che il museo o la galleria poteva vantare, adesso si è rivelato uno strumento indispensabile per garantire al pubblico almeno un accesso da remoto alle collezioni. L’online è infatti sempre più necessario per raggiungere i contenuti artistici: nascono le ‘virtual rooms’, come quelle presentate tramite un ‘telepresence robot’ dall’Hastings Contemporary museum in Inghilterra, oppure le lezioni di arte via web, come nel caso dell’artista Martin Morris, il quale presenta e produce le sue opere d’arte in diretta. In questa sezione si accoglieranno i contributi per una riflessione sulle modalità di diffusione su larga scala dell’opera artistica, anche con attenzione ai contenuti digitali nel mondo dell’arte e alle istanze di natura didattica o al ruolo dei ‘social network’. Il digitale può sostituire un’opera d’arte reale? Dal momento che solo le grandi istituzioni museali dispongono di risorse sufficienti per sfruttare le potenzialità del digitale, quanto potere acquisiranno giganti come Google? Per converso, quale sarà il destino dei musei più piccoli che a Google dovranno necessariamente appoggiarsi, nella definizione dei confini del mondo dell’arte? In questo contesto è opportuno tenere in considerazione le teorie di Bordieu e di Becker in riferimento alla creazione del valore artistico e del significato culturale. Il digitale ha tolto all’arte il suo compito di spazio sociale collettivo? L’esperienza digitale è un’esperienza mutila? Il pubblico è vitale per la sopravvivenza di un museo, ma adesso si deve ripensare a una riorganizzazione per la fruizione a distanza: quanti musei sono riusciti, ad esempio, affrontare la pandemia? Potrà essere una valida soluzione ai problemi di mobilità e di sostenibilità ambientale (pensando ai viaggi e ai problemi legati al surriscaldamento globale)?

Letteratura

La fuoriuscita dei contenuti dalle aule scolastiche e accademiche risulta forse più difficile per quanto pertiene l’ambito letterario. I contributi di questa sezione possono sondare le dinamiche sociologiche di diffusione e ricezione di specifiche opere o generi letterari al di fuori dell’ambito accademico. Alcuni esempi sul primo versante riguardano le rivisitazioni in chiave ‘pop’ di testi letterari che fanno parte del canone della letteratura italiana e/o mondiale, come ad esempio attraverso le arti performative, la riduzione cinematografica, il ‘graphic novel’… Nel secondo caso, invece, può essere preso in considerazione un determinato generale, come la poesia o il giallo, per tracciare un quadro della sua diffusione al di fuori dell’ambito prettamente accademico. Si pensi a questo proposito al ‘Movimento per l’Emancipazione della Poesia’ (MeP) o ad esperienze consimili che coinvolgono le nuove tecnologie di comunicazione digitale e i ‘social network’. La sezione può includere anche riflessioni di natura teorica che sostengano l’importanza del retaggio umanistico nella realtà quotidiana studiando come, ad esempio, i mitologemi possano gettare luce per la comprensione di tematiche fondamentali della contemporaneità come l’immigrazione o l’ecologiaDa ultimo, si accettano contributi che evidenzino le potenzialità dell’ambiente digitale come canale di comunicazione privilegiato per un ampliamento esponenziale del pubblico. L’esempio più immediato è quello delle ‘digital scholarly editions’ su cui discorrono Tiziana Mancinelli ed Elena Pierazzo in “Che cos’è un’edizione scientifica digitale” (Roma, Carocci, 2020), ma è d’obbligo ricordare anche l’impresa di Google Books, che ha scansionato e digitalizzato più di venticinque milioni di libri, rinunciando alla correzione manuale del materiale scantinato e dunque proponendo testi sì liberamente accessibili a chiunque, ma purtroppo spesso scorretti. A sopperire questo problema vi sono iniziative di ‘public engagement’ e ‘crowdsourcing’ (ovvero recluta di un pubblico volontario per la trascrizione del testo da digitalizzare), come ad esempio quella del “The Medici Archive Project”, un istituto americano con sede a Firenze, il cui scopo è la creazione di edizioni digitali dei documenti d’archivio della famiglia Medici. Ma la trascrizione richiede competenze linguistiche e paleografiche non indifferenti: possiamo sempre fidarci di un pubblico non indifferenziato di cui non conosciamo le competenze? Quali potranno essere le soluzioni più adatte per conciliare filologia, digitale ed etica?

Modalità di partecipazione

La giornata di studi si rivolge a dottorandi, dottori di ricerca e ricercatori afferenti ad istituzioni italiane e straniere.

Gli interessati sono invitati a presentare una proposta d’intervento al link https://bit.ly/HFC-INT-2020

entro e non oltre venerdì 29 maggio 2020. 

Ciascuna proposta dovrà recare:

  1. nome, cognome, indirizzo di posta elettronica e affiliazione accademica;
  2. una breve nota bio-bibliografica (max. 1.000 caratteri spazi inclusi);
  3. un breve abstract dell’intervento corredato di titolo provvisorio (max. 1.500 caratteri spazi inclusi). 

Si accettano interventi nelle seguenti lingue: italiano e inglese. 

La durata prevista di ciascuna relazione è di 20 minuti circa. È prevista la pubblicazione degli atti del convegno.

Luogo di svolgimento

L’incontro si svolgerà giovedì 3 dicembre 2020 a Venezia e sarà trasmesso in streaming su YouTube. La sede designata sarà resa nota nel corso dei prossimi mesi.

  • I relatori residenti in Italia dovranno recarsi fisicamente nel luogo dell’incontro, a meno di particolari restrizioni di carattere sanitario che limitino gli spostamenti: in tal caso, è sufficiente la disponibilità in video-collegamento. Le eventuali spese di spostamento e/o pernottamento sono a carico dei partecipanti.
  • Gli studiosi residenti all’estero che sono impossibilitati a raggiungere la città lagunare potranno esporre il loro intervento in modalità telematica.

Il comitato organizzativo si premurerà di selezionare i contributi e di comunicare agli interessati l’accettazione o meno della proposta d’intervento. La richiesta di partecipazione implica l’impegno a partecipare alla giornata di studi.

Comitato organizzativo

L’evento è organizzato dal network internazionale Humanities for Change (www.humanitiesforchange.org) e patrocinato dal Venice Centre for Digital and Public Humanities (VeDPH) dell’Università Ca’ Foscari Venezia (www.unive.it/vedph).

  • Marco Sartor (dottorando in Scienze filologico-letterarie, storico-filosofiche e artistiche all'Università di Parma)
  • Francesco Venturini (studente di Philosophy all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano)
  • Paola La Barbera (ricercatrice non strutturata laureata in Scienze dell'antichità: letterature, storia e archeologia all'Università Ca' Foscari di Venezia)
  • Irene Mamprin (studentessa del Master di I livello in Digital Humanities all'Università Ca' Foscari di Venezia)

Contatti

Tutte le domande relative ai contributi possono essere inviate via e-mail a intersections@humanitiesforchange.org.

Places

  • The designated venue will be announced in the coming months. Due to sanitary restrictions imposed by Covid-19, speakers can participate in telematic mode
    Venice, Italian Republic (30123)

Date(s)

  • Friday, May 29, 2020

Attached files

Keywords

  • humanities, public humanities, digital humanities, history, arts, literature, dissemination, divulgation, third mission

Contact(s)

  • Marco Sartor
    courriel : marco [dot] sartor [at] humanitiesforchange [dot] org
  • Francesco Venturini
    courriel : francesco [dot] venturini [at] humanitiesforchange [dot] org

Information source

  • Marco Sartor
    courriel : marco [dot] sartor [at] humanitiesforchange [dot] org

To cite this announcement

« Intersections. New perspectives for public humanities », Call for papers, Calenda, Published on Wednesday, May 13, 2020, https://calenda.org/778611

Archive this announcement

  • Google Agenda
  • iCal