AccueilLa città multietnica nel mondo mediterraneo

La città multietnica nel mondo mediterraneo

Storia, cultura, patrimonio

*  *  *

Publié le vendredi 01 juin 2018 par Céline Guilleux

Résumé

L’incontro si propone di sollecitare i soci dell’AISU a riflettere sugli aspetti di continuità, come sui momenti di snodo e frattura, che hanno a lungo condizionato la dimensione multietnica delle nostre città. Si vorrebbe così focalizzare l’attenzione sulle specificità dei luoghi e dei periodi di una storia millenaria, che ha dato vita a un patrimonio culturale – materiale e immateriale – che pare oggi messo variamente e duramente a repentaglio. Intendiamo discuterne in una prospettiva eminentemente storica − a partire da ben documentati casi di studio, tali da offrire spunti di comparazione − senza tuttavia rinunciare a interrogarci sul senso delle nostre ricerche in uno scenario travagliato quale quello in cui viviamo. Senza facili anacronismi, ma senza neppure rifugiarci nell’alibi dello specialismo, mentre sotto i nostri occhi il Mediterraneo è più che mai teatro di ecatombi, esclusioni, sofferenze, pur non mancando progetti ed esperimenti volti a sostenere forme di coabitazione meno inique che in passato. 

Annonce

Convegno AISU 2018 La Città Multietnica nel Mondo Mediterraneo. Storia, cultura, patrimonio Genova, Scuola Politecnica-Architettura, 4-5 giugno 2018

Stradone Sant’Agostino 37 - 16123 Genova

Presentazione

L’incontro si propone di sollecitare i soci dell’AISU a riflettere sugli aspetti di continuità, come sui momenti di snodo e frattura, che hanno a lungo condizionato la dimensione multietnica delle nostre città. Si vorrebbe così focalizzare l’attenzione sulle specificità dei luoghi e dei periodi di una storia millenaria, che ha dato vita a un patrimonio culturale – materiale e immateriale – che pare oggi messo variamente e duramente a repentaglio. Intendiamo discuterne in una prospettiva eminentemente storica − a partire da ben documentati casi di studio, tali da offrire spunti di comparazione − senza tuttavia rinunciare a interrogarci sul senso delle nostre ricerche in uno scenario travagliato quale quello in cui viviamo. Senza facili anacronismi, ma senza neppure rifugiarci nell’alibi dello specialismo, mentre sotto i nostri occhi il Mediterraneo è più che mai teatro di ecatombi, esclusioni, sofferenze, pur non mancando progetti ed esperimenti volti a sostenere forme di coabitazione meno inique che in passato. 

Programma

Lunedì 4 giugno

(Aula Benvenuto / Aula 5h / Cisternone)

  • 9.00-10.00 Registrazione
  • 10.00-10.45 Apertura del convegno

10.45-12.45 Sessioni parallele

  • 1.1 Monumenti urbani e memorie divise fra Otto e Novecento
  • 2.1 Porti e mercanti dall’antichità alla prima età moderna

12.30-14.00  Pranzo/buffet

14.00-15.30 Assemblea AISU

15.30-17.30 Sessioni parallele

  • 1.2 Usi del passato sulla scena della città composita
  • 2.2 Il cantiere multiculturale

17.30-19.30 Sessioni parallele

  • 1.3 Mediatori, traduttori, interpreti
  • 2.3 Viaggiatori, turisti, artisti 

20.00-22.00 Cena/buffet

 

Martedì 5 giugno

(Aula Benvenuto / Aula 5h / Cisternone)

9.00-11.00 Sessioni parallele 

  • 3.1 Luoghi di frontiera 
  • 4.1 Colonialismi e decolonizzazione

11.00-13.00 Sessioni parallele 

  • 5.1 La città medievale come crocevia di culture 
  • 4.2 Esperienze e retaggi dell’urbanistica coloniale

13.00-14.00    Pranzo/buffet

14.00-15.00  Sessione Poster

15.00-17.00 Sessioni parallele 

  • 5.2 La dimensione multietnica delle metropoli della prima età moderna 
  • 3.2 Forme di coabitazione contemporanea

17.00-19.00   Sessioni parallele 

  • 5.3. Gli spazi delle minoranze 
  • 3.3. La città dei migranti

19.00-20.00 Aperitivo finale

Lunedì 4 giugno, Aula Benvenuto

Apertura del Convegno, ore 10.00

Saluti

  • Paolo Comanducci - Magnifico Rettore dell’Università di Genova
  • Enrico Dassori - Università di Genova, Direttore del Dipartimento DAD
  • Alireza Naser Eslami - Università di Genova, Centro Internazionale di Ricerca sull’Architettura del Mondo Islamico e del Mediterraneo

Introduzione ai lavori

  • Marco Folin - Università di Genova
  • Rosa Tamborrino - Politecnico di Torino, Presidente dell’Associazione Italiana di Storia Urbana

1. Il patrimonio conteso delle città multietniche

moderatore: Guri Schwarz, Università di Genova

1.1 Monumenti urbani e memorie divise fra Otto e Novecento, ore 10.45

  • Anne Bordeleau - University of Waterloo The roles of urban monuments in our diverse cities
  • Lucia Carminati - University of Arizona The “Architecture of Common Sense” of Port Said, 1859-1882: The Politics of Urbanism in a Multi-Ethnic Port-City
  • Michal Ben Ya’akov - Efrata College of Education, Jerusalem Middle Eastern Jews and the Urban Ecology in Late Ottoman Palestine
  • Yannis Sygkelos - DEI College, Thessaloniki Ottoman Cosmopolitanism: Salonica at the beginning of the 20th century
  • Emine Çiğdem Asrav - Politecnico di Torino From Multi-Ethnic Origin to Nation-State: Oblivion Heritage and its Tangible and Intangible Remains in the Black Sea Region (Pontos Euxeinos), Turkey
  • Johnny Alam - Studioso indipendente, artista, Montreal Symptomatic Architecture: Markings of Presence, Difference, and Trauma

Lunedì 4 giugno, Aula 5H

2. La città come occasione d’incontro

moderatore: Stefano Musso, Università di Genova

2.1. Porti e mercanti dall’antichità alla prima età moderna, ore 10.45

  • Valeria Smedile, Francesco Tigani - Università di Messina L’oasi e la laguna. Esperienze commerciali e sviluppo urbano a Palmira e Venezia
  • Toslima Khatun – King’s College, London The Reconfiguration of Trade Routes from the Caliphate into Asia from the years 600-1000
  • Antonio Musarra - Università di Firenze Una κοινὴ mediterranea. Una nota sulla multietnicità degli equipaggi delle galee veneziane, genovesi e catalane tra Medioevo e prima età moderna, secoli XIV-XV
  • Teresa Colletta - Università di Napoli Le città portuali del Mediterraneo e la dimensione multietnica. Il ruolo dei mercanti amalfitani tra medioevo ed età moderna

Lunedì 4 giugno, Aula Benvenuto

Assemblea Aisu, ORE 14.00

  • Rosa Tamborrino, L’AISU nell’anno europeo del Cultural Heritage: attività in corso e prospettive per il 2019
  • The Global City: presentazione del Congresso AISU, Bologna - settembre 2019
  • Aisu Networking: call aperte ai soci per attività collaborative e progetti interdisciplinari (scadenza 30 giugno 2018)
  • Le città italiane come patrimonio culturale: ciclo di conferenze itineranti, in collaborazione con ANCSA
  • Conoscere le città italiane: viaggi AISU
  • Premio Roberta Morelli

1.Il patrimonio conteso delle città multietniche

moderatore: Guri Schwarz, Università di Genova

1.2 Usi del passato sulla scena della città composita, ore 15.30

  • Petar Puhmajer - Croatian Conservation Institute The Urban Expansion of Rijeka as a Reflection of City’s Multi-ethnic Society in the late 18th and early 19th century
  • Daniele Andreozzi - Università di Trieste Pratiche cosmopolite. Vite, mercantilismi e nazioni nella crescita della Trieste multietnica (secoli XVIII-XX)
  • Borut Klabjan - European University Institute / Science and Research Centre, Koper Mono-ethnic images of a multi-ethnic city. Continuity and change in 20th-century Trieste
  • Maura Hametz - Old Dominion University Remembering Sissi’s Escape: Trieste as the Gateway to the Mediterranean
  • Gruia Bădescu - University of Oxford Cosmopolitan Heritage? Post-War Reconstruction and Urban Imaginaries in Sarajevo and Beirut
  • Joseph Galbo - University of New Brunswick, Saint John Renovating the Colosseum Today: Protection, Modernization, and Citizenry
  • Louisa Avgita - University of Ioannina What is there to be learnt from Athens? Documenta 14 and the colonisation of history

1.3 Mediatori, traduttori, interpreti, ore 17.30

  • Giacomo Montanari - Università di Genova L’eroe dei due mondi: politica, archeologia e passione per l’antico nella “mediazione culturale” di Ciriaco d’Ancona tra Oriente e Occidente (1430-1450)
  • Marta Albalá Pelegrín - California State Polytechnic University, Pomona Spanish Rome and Roman Spain: Reconstructing the Past of Rome and Cordoba in the Early 16th Century
  • Stefano Gulizia - University of California, Los Angeles The Rise of Alfonso Ulloa (1529-1570) in Early Modern Venice: Printing Networks, Civic Identity, and Multi-Ethnic Translations
  • Javier Patiño Loira - University of California, Los Angeles Migration, war and the continuity of the city in Lluis Pons d’Icart’s Libro de las grandezas de Tarragona (1572)
  • Elina Gugliuzzo - Università Pegaso, Napoli Interpreting in a “contact zone”. Dragomans at the Sultan’s Court of Constantinople

Lunedì 4 giugno, Aula 5H

2. La città come occasione d’incontro

moderatore: Stefano Musso, Università di Genova

2.2. Il cantiere multiculturale, ore 15.30

  • Anna Boato - Università di Genova Il lessico delle costruzioni genovesi: parole come spie di relazioni tra popoli e culture
  • Emanuela Garofalo - Università di Palermo Palermo al tempo dei Trastámara (1416-1516): la dimensione multietnica del cantiere di architettura
  • Silvia Beltramo - Politecnico di Torino Maestranze specializzate nelle città del Quattrocento: strategie di multiculturalità nei cantieri
  • Cristina Cuneo - Politecnico di Torino Gli stranieri a Torino “il mestiere tradotto in arte”. La solidarietà, le maestranze e il cantiere di luganesi e savoiardi tra XVI e XVIII secolo

2.3. Viaggiatori, turisti, artisti, ore 17.30

  • Margarita Ana Vázquez Manassero - UNED, Madrid Genoa in the travel diaries of Jehan Lhermite (1587) and Cesare Magalotti (1625): a city from «paradise on earth» to «fury of Mars»
  • Sergio Pace - Politecnico di Torino «Quella strada senza eguali che costeggia la Baia degli Angeli». La colonia straniera e il nuovo Cammino degli Inglesi nella Nizza Marittima di primo Ottocento
  • Serena Vianello - Università Ca’ Foscari, Venezia Esperienze di alterità: l’Oriente dei viaggiatori britannici dell’Ottocento
  • Ewa Kawamura - University of Tokyo Segni dell’identità nazionale dei diversi paesi nelle strutture ricettive in Italia. Il caso degli alberghi fondati dagli immigrati svizzeri fra Ottocento e Novecento
  • Marzio Di Pace - Università di Genova Rosa Sessa - Università di Napoli Il “periodo tedesco” della ceramica di Vietri: tra comunità di artisti in Costiera e imprenditori stranieri a Salerno

Martedì 5 giugno

Aula Benvenuto (mattina) / AULA 5H (pomeriggio)

3. Migrazioni, confini, insediamenti temporanei

moderatore: Luca Mocarelli, Università di Milano-Bicocca

3.1. Luoghi di frontiera, ore 9.00

  • Velika Ivkovska - Bahçeşehir University, Istanbul The urban and architectural environment of a port town in Northern Greece: the case of Kavala in Ottoman time (1391-1912)
  • Julia Puretti - Università del Salento, Lecce La minaccia turca in Terra d’Otranto tra XV e XVI secolo: riflessioni sulle implicazioni storico-architettoniche e culturali in ambito territoriale e urbano
  • Federico Bulfone Gransinigh - Università G. D’Annunzio, Chieti-Pescara Asburgo e Ottomani: eterni nemici? L’istituzione del Militärgrenze e i risvolti sociali, territoriali e d’innovazione architettonica
  • Marco Romio - Università di Trieste Comunità urbane in movimento: il caso dei profughi cretesi a Parenzo (1670-1690)
  • Claudio Mazzanti - Università G. D’Annunzio, Chieti-Pescara La base navale militare di Taranto: sviluppo urbano e confronto fra diverse culture
  • Andreina Milan - Università di Bologna Enrico Pietrogrande - Università di Padova Gorizia città di confine. Da fortezza a laboratorio del moderno

3.2. Forme di coabitazione con-temporanea, ore 15.00

  • Silvia Gron - Politecnico di Torino Eleni Gkrimpa - Aristotle University, Thessaloniki, Giulia La Delfa - Politecnico di Torino Salonicco, intrecci culturali, patrimoni condivisi
  • Emiliano Bugatti - Studioso indipendente Elif Yurdaçaliş - Middle East Technical University, Ankara The Istanbul Kadinlar Pazari
  • Roberta Martinis - Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana, Lugano “Living on the move”, abitare la temporaneità (1915-2015)
  • Sevcan Ercan - The Bartlett School of Architecture, University College London Tracing Displacements: Architecture and Politics of Population Placements in the island of Imbros
  • Luca Salmieri - Sapienza Università di Roma Multiculturalismo quotidiano. Pratiche abitative di mixitè tra gli immigrati del Litorale Domitio

3.3 La città dei migranti, ore 17.00

  • Ayman Zohry - The Egyptian Society for Migration Studies Ethnic Minorities in Alexandria, Egypt: Findings from the 1947 and 1960 Population Censuses
  • Pelin Bolca - Politecnico di Torino Taksim, Modern City Center of İstanbul: under the Internal-External Migration Influence
  • Federico Acuto - Politecnico di Milano L’ossessione identitaria. Note sulla città di Genova
  • Andrea Torre - Centro Studi Migrazioni nel Mediterraneo, Genova I Cittadini stranieri a Genova. Tra nuove e vecchie forme di abitare
  • Stefano de Falco - Università di Napoli Federico II Immigrati ad alta qualificazione 4.0: una prospettiva diversa per le città del Mediterraneo
  • Massimiliano Giberti - Università di Genova La Città [CON]divisa forme di organizzazione urbana nel distretto di Nabaa Bourj Hammoud (Beirut)
  • Jamil Al Wekhian - Kent State University Acculturation Process for Arab-Muslim Immigrants in the United States

Martedì 5 giugno, aula 5 h

4. Città coloniali: antichi modelli, nuovi scenari

moderatore: Fabio Mangone, Università di Napoli Federico II

4.1. Colonialismi e decolonizzazione, ore 9.00

  • Carla Fernández Martínez - Universidad de Santiago de Compostela Città nuove nell’America spagnola. L’esempio del Cile sotto i Borboni
  • Marco Buttino - Università di Torino Samarcanda – Algeri: una comparazione coloniale
  • Sami Boufassa - Université A. Mira, Béjaïa Le village nègre en Algérie. Reflet d’une politique d’ethnicisation à l’époque coloniale
  • Feriel Saidane, Samia Chergui - Université Saad Dahlab, Blida 1 Du Kara-Kouche ottoman aux premiers théâtres français : évolution et confrontation historiographique des institutions théâtrales en Algérie
  • Beatrice Falcucci - Università di Firenze “La terra feconda della diciassettesima regione del Regno d’Italia”. La colonizzazione in Libia negli anni Trenta tra agricoltura e spettacolo

4.2. Esperienze e retaggi dell’urbanistica coloniale, ore 11.00

  • Salhi Souha - Université de Lorraine, Nancy Infrastructure portuaire coloniale et réseaux méditerranéens. Le port d’Alger aux XIXe-XXe siecles
  • Angelo Bertoni - Université de Aix-Marseille, TELEMMe L’urbanistica coloniale francese in Marocco: l’esperienza di Henri Prost e il suo riconoscimento internazionale negli anni Trenta
  • Raffaella Russo Spena - Università di Napoli Federico II Una porta verso il Mediterraneo. La città di Asmara e il colonialismo italiano in Africa
  • Laura Guarino - Università di Genova Modelli abitativi nelle colonie: esperimenti modernisti a Casablanca
  • Flavio Conia - Sapienza Università di Roma Stranieri nella propria terra. Il «colonialismo industriale» e il nord della Sardegna: il caso di Porto Torres Da pastori a operai, le fratture nella cultura della Nurra
  • Matteo Sintini - Università di Bologna Nelle città del mondo. Cosmopolitismo nell’opera e nel pensiero di Giancarlo De Carlo

Martedì 5 giugno, aula benvenuto

5. Culture e pratiche della convivenza multietnica

moderatore: Brigitte Marin, Maison méditerranéenne des sciences de l’homme, Aix-en- Provence

5.1. La città medievale come crocevia di culture, ore 11.00

  • Maya Maskarinec - University of Southern California Rome in the Early Middle Ages: A Mediterranean City of Saints
  • Anna Gutgarts - Tel-Aviv University Municipal mechanisms in a newly formed medieval immigrant urban society: the case of Frankish Jerusalem
  • Jan Vandeburie - University of Leicester “A dragon with nine heads”. A Bishop’s View on Religious and Ethnic Divides in Acre in the Early 13th Century
  • Tomasz Borowski - Polish History Museum, Warszawa / University of Reading Jews in Famagusta: spatial and visual seclusion in a crusader metropolis
  • Seda Sicimoğlu Yenikler - Koç University, Istanbul The cultural transformation of Genoese Galata from the byzantine to the ottoman rule and its reflection on the church of San Domenico
  • Daniel Bernardo Hershenzon - University of Connecticut Early Modern Mediterranean Cities: How Captivity Extended the Communal Boundaries Across the Sea

5.2. La dimensione multietnica delle ‘metropoli’ della prima età moderna, ore 15.00

  • Kiril Petkov - University of Wisconsin-River Falls Co-opting the Foreigner: Strategies for Incorporation in Renaissance Venice
  • Letha Ch’ien - Sonoma State University Polytopos: Multi-ethnic Practice in Venetian Imagery
  • Maria Paola Bulla - Università della Campania Luigi Vanvitelli Dall’Africa al Portogallo. Tracce della schiavitù africana nelle città portoghesi (secoli XV-XVIII)
  • Faika Çeli - Manisa Celal Bayar University Neighbourhoods’ Surveillance of Margins: Negotiating Honour and Shame in Early Modern Istanbul
  • Emine Öztaner - Istanbul Sehir University Urban Ethnic Encounters: A Glimpse on the Different Ethnic Communities Living in an Ottoman Neighborhood
  • Graylin W. Harrison - Stanford University Representing Naples: The Revolt of 1647

5.3. I luoghi delle minoranze, ore 17.00

  • Stefano Zaggia - Università di Padova Dalla contrada al Ghetto. Usi e configurazioni urbane nei processi di segregazione ebraica nelle città della Terraferma veneta (secoli XV-XVII)
  • Giuseppe Restifo - Università di Messina Messina, una città multietnica nel mondo mediterraneo
  • Maria Concetta Calabrese - Università di Catania Le Chiese e le cappelle dei genovesi in Sicilia
  • Benedetto Ligorio - Sapienza Università di Roma Trade hub e residential segregation in Adriatico orientale: ebrei a Ragusa (Dubrovnik) e a Spalato (Split) nel XVII secolo
  • Maria Vitiello - Università dell’Aquila Il cimitero degli stranieri a Roma. La storia, tra conservazione e trasformazione, di un giardino sorto ai piedi della Piramide

Martedì 5 giugno, cisternone

14.00-15.00

6. POSTER

6.1 Città del Mediterraneo: un quadro di lungo periodo

  • Bruno Di Gesù - Sapienza Università di Roma Il colonialismo fenicio-punico in Sardegna: la città come strumento di conquista
  • Giulia Tacchini - Politecnico di Milano La collina di Ayasuluk. Dalla Efeso classica alla Selçuk contemporanea in tre architetture
  • Gaetana Liuzzi - Università della Campania Ricerche archeologiche nella rasola 20 del castello di Montella: dalle strutture di IX secolo alla formazione del parco-giardino

6.2 Immagini della multiculturalità

  • Isabel Ruiz Garnelo - Universitat de València ‘Ex causa amicabilis mutui’. Moneta e società nella Roma multiculturale del Rinascimento
  • Santiago González Villajos - Universidad Autónoma de Madrid Cervantes, Genoa and the Grotesque: interculturality, visual imagination and architecture beyond the Plateresco
  • Marcello Anselmo, Eleonora Canepari - Maison méditerranéenne des sciences de l’homme, Aix-en-Provence Pandokeoin. La maison de tous
  • Johnny Alam - Studioso indipendente, artista, Montreal A Palimpsest of Crises; Beirut’s Green Line; & Origins of the Green Line: A Media Archaeology

6.3 Ghetti

  • Ludovica Galeazzo - Duke University Martina Massaro - Università di Padova Le Digital Humanities per i cinquecento anni del Ghetto di Venezia
  • Andreina Milan - Università di Bologna «La Cittadella misteriosa». Tra rimozione e recupero, le controverse vicende urbane del Ghetto ebraico di Rovigo (sec. XVI-XX)

6.4 Fortezze, dighe, barriere

  • ‘Team Praesidia’ - Politecnico di Bari Il vallo albanese: fortificazioni costiere dell’epoca enverista
  • Michela Mezzano - Politecnico di Torino New Nubia: storia millenaria, nuovo contesto nuovi conflitti
  • Rachele Piras - Università di Cagliari Spazi, luoghi e pratiche sociali: un confronto fra le metafore urbane di Cagliari

6.5 L’Italia meridionale: una regione multiculturale

  • Maria Vona - Ricercatrice indipendente Incontri tra civiltà e linguaggi artistici: il caso del quartiere Loggia e la Cala a Palermo
  • Sara Isgrò - Università di Napoli Federico II Il castello di Aci a guardia del Mediterraneo. Mito e letteratura, storia, arte e architettura nel Mare di Acitrezza
  • Isabella Frescura - già Università di Catania Cultura e tradizioni nella culla del Mediterraneo: la Sicilia e “l’Opera dei Pupi”, patrimonio immateriale dell’umanità
  • Vincenza Garofalo - Università di Palermo Palermo: i luoghi della coesistenza

6.6 La città dei migranti

  • Elisa Dalla Rosa - Università di Verona Ines Mancuso - Comune di Aosta Immigrazione, dinamiche di integrazione e sviluppo economico nella città di Aosta (1946-1993)
  • Vanessa Vozzo, Tatiana Mazali - Politecnico di Torino Apnea, un’esperienza immersiva nel mare di Lampedusa
  • Laura Guarino - Università di Genova Modelli abitativi nelle colonie: il caso degli alloggi popolari collettivi a Casablanca

Comitato scientifico

  • Salvo Adorno, Università di Catania
  • Alfredo Buccaro, Università di Napoli Federico II
  • Teresa Colletta, Università di Napoli Federico II
  • Giovanni Cristina, École des Hautes Etudes en Sciences Sociales
  • Gerardo Doti, Università di Camerino
  • Marco Folin, Università di Genova
  • Luigi Fontana, Università di Padova
  • Andrea Maglio, Università di Napoli Federico II
  • Fabio Mangone, Università di Napoli Federico II
  • Francesca Martorano, Università Mediterranea di Reggio Calabria
  • Luca Mocarelli, Università di Milano Bicocca
  • Sergio Onger, Università di Brescia
  • Heleni Porfyriou, CNR-ICVBC
  • Marco Pretelli, Università di Bologna
  • Fulvio Rinaudo, Politecnico di Torino
  • Massimiliano Savorra, Università del Molise
  • Donatella Strangio, Università di Roma La Sapienza
  • Elena Svalduz, Università di Padova
  • Rosa Tamborrino, Politecnico di Torino
  • Ines Tolic, Università di Bologna

Coordinamento scientifico

  • Marco Folin, Università di Genova
  • Alireza Naser Eslami, Università di Genova

Organizzazione

Iniziativa organizzata dall’Associazione Italiana di Storia Urbana (AISU) con il patrocinio del Dipartimento DAD/Università di Genova e il supporto di:

  • Laboratoire International Associé MediterraPolis, UMR TELEMME (AMU/CNRS), Maison méditerranéenne des sciences de l’Homme, Aix-en-Provence
  • Centro Internazionale di Ricerca sull’Architettura del Mondo Islamico e del Mediterraneo

Sede

Il convegno si terrà presso il Dipartimento Architettura e Design (DAD) della Scuola Politecnica dell’Università di Genova, Stradone Sant’Agostino 37 (16123 Genova).

Contatti

convegno2018@storiaurbana.org

Lieux

  • Scuola Politecnica dell’Università di Genova - Stradone Sant’Agostino 37
    Gênes, Italie (16123)

Dates

  • lundi 04 juin 2018
  • mardi 05 juin 2018

Mots-clés

  • città multietnica

Contacts

  • Marco Folin
    courriel : mafolin [at] libero [dot] it

URLS de référence

Source de l'information

  • Delphine Cavallo
    courriel : delphine [dot] cavallo [at] univ-amu [dot] fr

Pour citer cette annonce

« La città multietnica nel mondo mediterraneo », Colloque, Calenda, Publié le vendredi 01 juin 2018, https://calenda.org/443116

Archiver cette annonce

  • Google Agenda
  • iCal